La Filiera elettrica: il viaggio dell’energia, dalle centrali a casa tua

Il dito schiaccia l’interruttore e la luce si accende: un gesto così semplice che ormai diamo per scontato. Ma vi siete mai chiesti come sia possibile che quella lampadina possa illuminarsi ogni volta che lo desideriamo? 
In questo articolo  analizzeremo la filiera elettrica e i suoi attori per scoprire tutti i passaggi che, partendo dalla produzione, portano l’energia nelle nostre case.
 
Generazione – Le società di produzione
L’energia elettrica non esiste in natura, pertanto è necessario produrla trasformando in elettricità l’energia provenienti da diverse fonti primarie. In Italia oltre la metà della produzione avviene sfruttando fonti non rinnovabili (come il petrolio, il carbone o il gas naturale), anche se l’utilizzo delle rinnovabili è in costante aumento. Tra queste, la più utilizzata è la fonte idroelettrica, dalla quale proviene circa il 18% dell’energia prodotta in Italia.  In generale, le tecniche di produzione più diffuse sono quelle che utilizzano il vapore in pressione (acqua pressurizzata scaldata a temperature elevate, anche 600°) ottenuto attraverso una fonte di energia primaria. Il calore del vapore surriscaldato mette in morto una turbina al quale è collegato un alternatore. La combinazione di questi due movimenti genera la produzione di energia elettrica.
Per soddisfare il fabbisogno energetico nazionale, però, non è sufficiente la nostra produzione ed è necessario l’import da altri paesi, in particolare da Francia e Svizzera.
 
Vendita all’ingrosso – La borsa dell’energia
Una volta che l’energia è stata prodotta, le società di produzione la cedono al sistema immettendola in Rete e venendo di conseguenza remunerate. Questo avviene attraverso contratti bilaterali o tramite la vendita in borsa dell’energia: attivata nel 2004,  la borsa dell’energia elettrica (IPEX) ha lo scopo di ridurre i costi delle transazioni ed aumentare la trasparenza dei mercati. I programmi e le quantità di energia scambiate vengono regolati sulla base di un libero sistema di domanda e offerta, previa verifica della loro rispondenza ai vincoli della rete da parte della società Terna.
 
Trasmissione e Dispacciamento – Terna
Dopo la sua immissione in Rete, l’energia deve essere trasportata nelle zone dove deve essere consumata: questa attività si chiama Trasmissione ed è svolta da Terna attraverso un sistema complesso ed articolato di Reti ad Alta e Altissima tensione. Oltre che della Trasmissione, Terna si occupa anche del Dispacciamento, quell’attività che garantisce un equilibrio costante tra domanda ed offerta. L’energia elettrica, infatti, non è stoccabile e deve quindi essere prodotta nel momento in cui c’è necessità di utilizzo. Il complesso di questa attività richiede un monitoraggio continuo dei flussi elettrici ed una gestione coordinata di impianti di produzione e reti di trasmissione.
Per semplificare, possiamo immaginare Terna come il direttore d’orchestra che, secondo la partitura musicale (necessità di energia elettrica) chiama i vari strumenti (le centrali di produzione) a suonare (produrre energia). Tutto questo avviene secondo un piano programmato grazie a statistiche ed aggiustamenti quotidiani.
 
Distribuzione – I Distributori Locali
L’energia che Terna trasporta giunge alle stazioni di trasformazione, dove l’energia in Alta Tensione viene convertita in Media e Bassa tensione, per essere distribuita agli utenti finali che ne fanno richiesta. Di questa attività si occupano le società di Distribuzione che hanno il compito di costruire e provvedere alla manutenzione dell’infrastruttura di rete a bassa e media tensione. In parallelo a tali attività, i Distributori Locali sono anche responsabili delle operazioni di allacciamento e del servizio di misura. Anche questa fase della filiera è un monopolio naturale e viene gestita, per ogni zona della rete, da un operatore unico secondo le regole determinate dall’Autorità.
 
Vendita al cliente finale – Le società di vendita
Una volta che l’elettricità giunge nelle nostre case, è necessario che ci sia un attore che si occupi di gestire tutti gli aspetti commerciali ed amministrativi nonché del rapporto diretto con il cliente. Ed è qui che entrano in gioco le società di Vendita, che acquistano l’energia dalla borsa elettrica o direttamente dai produttori e la vendono ai clienti, occupandosi di riscuotere, oltre ai costi relativi ai servizi di vendita, anche quelli che vanno a remunerare tutti gli altri attori della filiera visti fin qui.
 
 
 
Nessun commento

Inserisci un commento